Capitolo 2-Microscopic Hair Comparison

Questo capitolo spiega la complessità del confronto dei capelli e la sua storia. In primo luogo, i casi dell’australiano Colin Ross nel 1922 e del canadese James Driskell nel 1984 sono presentati per esemplificare il fallimento delle prove microscopiche di confronto dei capelli. Ci sono state diverse condanne ingiustificate causate, almeno in parte, da testimonianze di esperti di confronto microscopico imperfetto o esagerato. Negli Stati Uniti, l’FBI è stato sotto il fuoco perché gli agenti testimonianti hanno sopravvalutato il valore delle prove dei capelli. In alcuni casi, le analisi dei capelli che sono state condotte correttamente e riportate con precisione a tribunali e giurie hanno portato alle condanne di imputati innocenti. Il capitolo contiene una revisione della storia dell’uso dei capelli come prova e un primer sulle caratteristiche e la classificazione dei capelli, e poi si conclude con una discussione sulla necessità di continuare a fare affidamento su prove di analisi microscopiche dei capelli opportunamente ponderate in combinazione con test del DNA mitocondriale (mtDNA) per garantire i migliori risultati legali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.