Collezione

Descrizione

Questo manoscritto contiene una copia del Morall Fabillis di Robert Henryson, un poeta scozzese morto intorno al 1490. Il testo è scritto in medio scozzese-la lingua parlata in bassa Scozia da circa il 15 ° al 17 ° secolo.

Che cosa sono i Morall Fabillis?

I Fabilli Morall erano basati sulle Favole di Esopo – un testo popolare presumibilmente scritto da uno schiavo di nome Esopo nell’antica Grecia. Le Favole sono una serie di storie di animali che hanno uno scopo morale. Il Morall Fabillis di Henryson era probabilmente basato su una versione delle Favole di Esopo di Gaulterus Anglicus. Questo lavoro del tardo 12 ° secolo era un libro di scuola standard nel Medioevo.

Chi era Robert Henryson?

Non sappiamo molto di Henryson. Era un maestro di scuola di Dunfermline. Egli sembra aver studiato legge presso l’Università di Glasgow e probabilmente era anche un prete.

Henryson è stato fortemente influenzato dal lavoro di Geoffrey Chaucer (dc 1400). Possiamo vedere questa influenza nelle sue opere in vari modi. Scrisse un poema intitolato Il Testamento di Cresseid che continua la storia di Criseyde, il personaggio centrale di Troilo e Criseyde di Chaucer. Vediamo anche l’influenza di Chaucer nell’uso della forma da parte di Henryson nel Morall Fabillis. Le poesie sono scritte in rima reale, una forma di sette righe resa popolare da Chaucer (anche se va notato che ci sono alcune strofe nel Morall Fabillis in una forma pseudo-ballata di otto righe). Chaucer utilizza questa forma in molte delle sue opere, tra cui il Parlamento degli uccelli e, in particolare, in Troilo e Criseyde.

Mentre Henryson è stato influenzato da Chaucer, Henryson stesso ha – a sua volta – avuto un’influenza su molti poeti successivi, e nel 2009 il Morall Fabillis è stato tradotto da Seamus Heaney. Heaney ha scritto della sua ammirazione per Henryson ‘retorica e roguery’ e come la sua ‘costante consapevolezza della durezza del mondo e l” ingiustizia è mitigato dalla sua ironia, tenero cuore, e sempre pronto senso dell “umorismo’.

Il manoscritto

Questo manoscritto è insolito – fu copiato quasi un secolo dopo la morte di Henryson, nel 1571, da un’edizione stampata del testo. Il manoscritto illustra il modo in cui anche dopo l’invenzione della stampa la gente ha continuato a fare manoscritti. In qualche modo questo è simile alla nostra cultura, dove usiamo sia gli e-reader che i libri tradizionali. Chi ha copiato questo manoscritto ha chiaramente curato il suo aspetto, come possiamo vedere dalla decorazione.

Visualizza una serie completa di immagini del manoscritto digitalizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.