Infezioni batteriche del Seno nei Gatti

Mastite nei Gatti

Un’infezione batterica di uno o più durante l’allattamento (che produce latte) ghiandole del seno, una condizione definita clinicamente come la mastite, è spesso il risultato di un’infezione ascendente, il trauma durante l’allattamento ghiandola, o un’infezione che si diffonde attraverso il flusso di sangue.

Escherichia coli (E. coli), stafilococchi e streptococchi β-emolitici sono alcuni dei principali batteri che si trovano ad essere più comunemente coinvolti. È un’infezione potenzialmente pericolosa per la vita, che in alcuni casi porta a shock settico, l’effetto diretto delle ghiandole mammarie con coinvolgimento sistemico.

Questa condizione colpisce principalmente le regine postpartum, ma raramente si verifica anche nelle regine in allattamento pseudopregnanti.

i Sintomi e Tipi

  • Perdita di appetito
  • Letargia
  • la Ditta, gonfio, caldo e doloroso ghiandola mammaria(s) da cui purulento (pus-like) o emorragico fluido può essere espresso
  • Abbandono di gattini (in genere a causa di un dolore quando si tenta di infermiere)
  • Errore di gattini a prosperare
  • Febbre, disidratazione e shock settico con la partecipazione sistematica
  • Ascessi o cancrena della ghiandola(s), se non trattata

Cause

  • infezione Ascendente via tettarella canali
  • Trauma inflitto all’ ghiandole mammarie dalle unghie dei piedi o dai denti di un gattino
  • Scarsa igiene
  • Infezione sistemica proveniente da altre parti del corpo

Diagnosi

Dovrai fornire una storia completa della salute del tuo gatto, dell’insorgenza dei sintomi e dei possibili incidenti che potrebbero aver portato a questa condizione. Un profilo ematico completo è quindi tipicamente raccomandato, compreso un profilo ematico chimico, un esame emocromocitometrico completo e un’analisi delle urine.

Se l’infezione è presente, il latte è normalmente leggermente più acido del siero; può anche avere aumentato l’alcalinità con l’infezione. Neutrofili, macrofagi e altre cellule mononucleate possono essere normalmente osservati in numero elevato nel latte normale; tuttavia, la presenza di un gran numero di batteri liberi e neutrofili degenerativi sono noti con la presenza di malattie settiche. Una coltura batterica sarà necessaria per identificare l’organismo.

Se c’è un cancro presente nel seno, le ghiandole colpite non produrranno latte. La differenziazione tra condizione maligna e benigna sarà raggiunta con un esame e una coltura del latte materno.

Trattamento

Se l’infezione al seno non è troppo grave, i gattini del vostro gatto possono essere autorizzati a continuare l’allattamento (questa è l’opzione ideale, in quanto è meglio per la salute sia della madre che dei gattini), a meno che le ghiandole non contengano tessuto morto, o perché la madre è malata sistemica e non è sicuro per lei o In questi casi, il tuo gatto sarà ricoverato in un ospedale fino a quando non sarà stabile.

Il veterinario vi avvertirà di prestare particolare attenzione agli antibiotici che vengono utilizzati, qualsiasi reazione il vostro gatto oi suoi gattini potrebbe avere per il farmaco, e il continuo aumento di peso dei più piccoli. In caso di disidratazione o sepsi, verrà ordinata la fluidoterapia endovenosa per correggere gli squilibri elettrolitici e l’ipoglicemia. Shock è anche una possibilità, che sarà trattata di conseguenza.

Spesso, i veterinari raccomandano di applicare un impacco caldo e di mungere la ghiandola interessata più volte al giorno per mantenere i condotti del latte chiari. L’applicazione di impacchi di foglie di cavolo alle ghiandole colpite può anche accelerare la risoluzione del gonfiore e aiutare a portare conforto al tuo gatto. Le ghiandole ascesse o cancrenose, d’altra parte, richiederanno la rimozione chirurgica.

Vivere e gestire

La prognosi di un gatto con mastite è buona con il trattamento. Discutere con il veterinario una dieta adeguata per il gatto se sta allattando. Tuttavia, se la regina non progredisce abbastanza bene da prendersi cura dei suoi gattini da sola, dovrai sollevarli a mano, il che richiede un notevole impegno. Il veterinario farà raccomandazioni per quanto riguarda i migliori metodi di alimentazione per i gattini.

Prevenzione

Oltre a mantenere pulita la zona giorno, la rasatura dei capelli intorno alle ghiandole mammarie può prevenire la reinfezione. Ritagliare le unghie dei gattini per evitare di graffiare la pelle della madre e assicurarsi che tutte le ghiandole mammarie siano utilizzate per l’allattamento può anche ridurre il rischio di infezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.