🚺🚺

L’omicidio di Matthew Cecchi

Il giovane Matthew Cecchi (9) di Oroville, in California, si stava godendo una giornata sulla spiaggia di Oceanside Harbor con la sua famiglia il 14 novembre 1998, quando aveva bisogno di usare il bagno. Sua zia scortò Matthew al bagno pubblico più vicino, e lo persuase ad andare in Gentlemens da solo mentre aspettava fuori; non sapeva che sarebbe stata l’ultima volta che ha visto Matthew vivo.

Anche utilizzando la stanza Gentlemans era un drifter e tossicodipendente di nome Brandon Wilson (20). Armato di un coltellino da tasca, seguì Matthew in una bancarella del bagno e gli tagliò la gola da un orecchio all’altro, silenziosamente, mentre altri avventori usavano le strutture intorno a lui. Wilson poi ha lasciato il ragazzo a morire dissanguato sul pavimento, passeggiando zia di Matthew mentre aspettava fuori per il nipote. Ha scoperto il suo corpo pochi minuti dopo, dopo essere diventato preoccupato quando non è venuto fuori.

L’omicidio insensato di Matthew ha inviato onde d’urto in tutta la comunità più ampia, ma il suo assassino non avrebbe eluso la giustizia a lungo; due giorni dopo aver tagliato la gola di Matthew, la polizia ha arrestato Brandon Wilson dopo aver tentato di accoltellare una giovane donna. Durante la sua intervista ha allegramente confessato di aver ucciso Matteo e ha dichiarato che stava agendo per comando di Dio. Wilson è stato accusato di omicidio di primo grado, e ha scelto di dichiararsi non colpevole a causa della follia.

Il processo di Wilson fu essenzialmente una farsa, poiché prese l’insolita decisione di testimoniare per proprio conto; prima che la giuria si ritirasse, gli fu concessa l’opportunità per il suo appello finale, durante il quale disse:

” Lo rifarei in un secondo se ne avessi la possibilità. Ti ho spiegato la mia posizione. Il mio scopo nella vita e ‘aiutare a distruggere la vostra societa’. Voi siete qui come rappresentanti di quella società. Come tale, dovresti fare tutto ciò che è in tuo potere per liberare il mondo da me. Giustiziatemi.”

La giuria tornò con un verdetto di colpevolezza, e un appello della difesa per far commutare la pena di Wilson fu respinto. È stato imprigionato nel braccio della morte di San Quintino fino al 2011, quando si è suicidato impiccandosi con un lenzuolo.

Brandon Wilson, che è stato condannato per aver ucciso Matthew Cecchi (la cui tomba è raffigurata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.