Maria Edgeworth (1768-1849)

Maria Edgeworth nacque nell’Oxfordshire nel 1768 e, quando sua madre morì quando aveva cinque anni, la famiglia tornò in Irlanda per vivere nella tenuta di suo padre a Edgeworthstown, Co. Longford. Dopo aver vissuto lì per due anni, Edgeworth fu mandata in collegio in Inghilterra fino all’età di 14 anni. A quel punto, tornò a Edgeworthstown, dove risiedette per il resto della sua vita (ad eccezione di alcuni lunghi viaggi in Gran Bretagna e nel continente). Edgeworth non si sposò mai, e divenne effettivamente la direttrice della tenuta della sua famiglia (anche durante la vita di suo padre); si distinse tardi nella vita per il suo instancabile lavoro a favore degli affamati durante la Grande carestia.

La gestione degli affari immobiliari di Edgeworths le diede un’esposizione alla tentanteria irlandese a cui spesso attingeva nei suoi scritti. I suoi romanzi irlandesi – Castle Rackrent (1800), Ennui (1809), The Absentee (1812), Ormond (1817) e Orlandino (1848, una novella di temperanza per adolescenti) – furono molto ammirati da Jane Austen, Walter Scott e Ivan Turgenev, e si è giustamente guadagnata la reputazione di uno dei più grandi romanzieri che l’Irlanda abbia mai prodotto. È anche celebre per alcuni dei suoi romanzi “società inglese”, i suoi racconti irlandesi (per bambini e adulti), e un trattato co-scritto con suo padre, un saggio sui tori irlandesi (1803). Tuttavia, qualcosa che viene spesso ignorato sulla carriera di Edgeworth è che ha scritto un certo numero di opere teatrali. Il suo romanzo classico The Absentee in realtà ha iniziato la vita come una commedia, ma è stato respinto da Sheridan a Drury Lane, sulla base del fatto che non aveva abbastanza attori irlandesi e che era improbabile che fosse passato dal Lord Ciambellano (censore teatrale inglese). Sheridan aveva anche rifiutato il suo gioco precedente, Whim for Whim (1798).

Perché Edgeworth aveva difficoltà a produrre le sue opere teatrali (un problema riscontrato da molte drammaturghe donne in Irlanda – allora e oggi!), le sue sceneggiature finirono sempre per essere eseguite come “home theatricals”. Cioè, sono stati messi per la famiglia e gli amici a Edgeworthstown House, la “Grande casa”della sua famiglia. Delle sue dodici opere, cinque oltre all’Assente hanno interessi irlandesi. Questi includono la sua prima opera, The Double Disguise del 1786, che è stata pubblicata solo per la prima volta nel 2014; Eton Montem del 1800, che, sebbene ambientato in Inghilterra, presenta un personaggio centrale irlandese; due drammi comici del 1817-Love and Law e The Rose, Thistle e Shamrock – entrambi riguardano l’idea che ogni paese abbia un “carattere nazionale” unico; e Dumb Andy – pubblicato nel 1827 – che è (per citare Edgeworth) uno dei suoi “piccoli giochi per bambini”. Probabilmente il migliore (e certamente il più affascinante) tra questi è il Doppio travestimento. In questo gioco, una famiglia anglicana irlandese scende su una locanda inglese. Questo dà a Edgeworth l’opportunità di riflettere sulle differenze culturali tra l’inglese e l’irlandese, sulle gradazioni nella classe sociale e sui ruoli/aspettative di genere.

Come autore di sei opere teatrali per bambini, Edgeworth è una figura pionieristica nel campo del Teatro per il pubblico giovane (TYA). Due delle sue opere per bambini sono Old Poz del 1797 (ambientato in Inghilterra), con il suo cast di personaggi memorabili, e The Knapsack del 1801 (ambientato in Svezia), in cui Edgeworth cerca – come in molte delle sue opere – di convincere persone di tutte le classi sociali a mostrare una maggiore responsabilità civile.

Gioca

  • Il Doppio Travestimento (1786)
  • Vecchio Poz (1797)
  • Zaino (1801)

scopri di più

Per saperne di più su questo drammaturgo Irlandese Studi di prospettiva, vedere Clíona Ó Gallchoir libro di Maria Edgeworth: Donne, Illuminismo, Nazione (2005).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.