Matteo 5: 13-16 Sale e luce: vivere con uno scopo

Gesù dichiara gli otto principi fondanti o beatitudini del regno di Dio. Come luce e sale, il popolo di Dio ha una potente influenza sul mondo oscuro.

Introduzione

13 “Tu sei il sale della terra; ma se il sale è diventato insipido, come sarà reso di nuovo salato? Non serve più a niente, se non essere buttato fuori e calpestato dagli uomini.

14 ” Tu sei la luce del mondo. Una città situata su una collina non può essere nascosta.

15 “Né gli uomini accendono una lampada, e la mettono sotto la misura del becco, ma sul candelabro; e dà luce a tutti coloro che sono in casa.

16 “Risplenda la tua luce davanti agli uomini in modo che vedano le tue opere buone e glorifichino il Padre tuo che è nei cieli.

Sale e luce Matteo 5:13-`6Introduzione. Hai mai pensato che Gesù ha fatto un errore con queste parole di 13-16? Naturalmente Gesù deve aver compreso le debolezze dei suoi discepoli e tutto. Ma forse era solo coinvolto nel vortice di un sermone. Forse è stato catturato nella Sua Beatitudine idealistica predicando che è passato dal “what if” a “what is” senza transizioni caute.

Dopo tutto è facile per noi permettere a Gesù Cristo di predicare queste beatitudini. Sentiamo sermoni tutto il tempo. Ci abituiamo a lasciare che le parole del Regno si muovano come nuvole. Hanno poco o nessun effetto su di noi. Ma Gesù come un mucchio di nuvole scure e arrabbiate decise che queste nuvole avrebbero avuto un effetto reale sulla terra sottostante. E la pioggia è scesa. C’erano più parole di Gesù di quanto spesso diamo loro credito. Gesù ne aveva fiducia.

All’inizio di Matteo 5 vediamo per la prima volta moltitudini riunite davanti a Gesù stupite dei Suoi miracoli. Quelli particolarmente interessati vennero da Lui per ascoltare i Suoi insegnamenti. E ‘stato qui Gesù comincia a usare il” Beati quelli…”In quella che potrebbe essere una costituzione del Regno dei Cieli i principi sono esposti davanti a tutti. Ma nel versetto 11 quando Gesù parla della persecuzione comincia ad applicare questi insegnamenti alla propria vita. Ha detto: “Beati voi…”Gesù va dalle folle, ai discepoli generali, e diritto al cuore di voi e di me come Suoi discepoli. Gesù stabilisce i princìpi immortali del regno scritti in tutta la creazione. Ora inizia ad avvicinarsi alla nostra mentalità e a superare i problemi della nostra vita in modo che questi principi della vita possano essere vissuti.

NT Biblical resources on our NT Library Il materiale sul web qui è solo una piccola parte delle grandi risorse arricchite dai media che abbiamo sia su OT che NT. Clicca qui o sulla foto per guardare le nostre risorse del Nuovo Testamento. Questo è solo l’inizio della nostra enorme biblioteca di materiali di formazione biblica di qualità–sempre pieno di molte applicazioni.

Ma uno dei maggiori problemi che hanno afflitto la chiesa cristiana è quello di non rendersi conto di chi siamo veramente. E per questo abbiamo trascurato di prendere sul serio le nostre responsabilità. Questo credo sia il cuore di questi versetti 13-16. Le folle stavano guardando Gesù. Ora Gesù cominciava a guardare i suoi discepoli. Certo che li guardava sempre. Ma ora li guardava come un top manager che dava la portata delle operazioni e confidava che ogni uomo chiave fosse fedele per svolgere il proprio lavoro.

Hai mai lasciato che il Signore guardasse nel tuo cuore e ti dicesse la ragione per cui ti permette di vivere oggi? I suoi scopi modellano i nostri scopi. Come hai permesso al tuo Signore di plasmare le cose che fai oggi?

Sì, alcuni di noi, probabilmente molti di noi, cercavano solo la cura di uno o due problemi quando siamo diventati cristiani. Dio attraverso Gesù ci ha incontrato meravigliosamente. Ricordiamo ancora il tempo impressionante Dio ci ha aiutato. Ma molti di noi non hanno capito che Gesù non è un semplice cerotto ai problemi della vita dell’uomo. Egli è il Salvatore e il Signore. Ha usato questi problemi per aprire la tua vita a chi è. Vedete che c’erano molte persone nella pianura che vedevano i grandi miracoli che Gesù fece. Ha scacciato i demoni. Ma si allontanò perché voleva che i suoi discepoli sapessero che la chiave di una grande vita non era essere guariti, ma essere guaritori; non solo ricevere, ma dare. La cosa speciale è che Gesù stava fornendo ciò di cui avevamo bisogno per essere come Lui. Gesù non è solo una patch in modo da poter ottenere attraverso la vita. Gesù non è solo un’assicurazione per superare i rischi della vita. Gesù non è solo una guardia del corpo per proteggerti durante la festa dei fantasmi (Halloween).

Nei versetti 13-16 Gesù si rivolge ai suoi discepoli e riversa il cuore della Sua missione. Gesù sta prendendo la verità e il potere di Dio e lo mette in alcuni deboli, armeggiando discepoli. Sa che un giorno Se ne andrà, ma per mezzo dello Spirito Santo vivrà in questi stessi discepoli. La gente non sarà in grado di vedere, “Guarda – c’è Gesù.”Non possiamo farlo oggi. I suoi discepoli dopo qualche altro anno non sarebbero stati in grado di farlo. La chiave di tutto questo era che Gesù stava consegnando la missione a questi stessi discepoli che stavano solo imparando quali erano questi comandamenti, per non parlare di averli padroneggiati per viverli.

Credo che il mondo stia chiedendo aiuto. È soffocante. Non riesco a guardare, sentire o vedere le notizie che il mondo vuole che io veda più. Io stesso dispererò. Torneremo da questi scandali economici, politici, di leadership, morali, religiosi e diremo che non c’è nulla per cui vivere. L’uomo migliore che può fare è nascondersi nel suo umanesimo privato, chiudere le tende e le porte e tenere fuori la maledizione del mondo. Ma l’uomo non può farlo senza danni. I loro matrimoni stanno cadendo a pezzi. I bambini maledicono i genitori. Non possono parlare una conversazione decente con i loro genitori. Quindi lasciano tutto e fingono la via del successo sul lavoro. Quello che non possono credere è che i problemi sono anche lì! Le donne erano così felici inseguendo gli uomini al posto di lavoro per sfuggire alle pressioni e la solitudine a casa solo per scoprire che devono sopportare qualche capo maleducato e arrogante e colleghi che si prendono cura di nulla, ma se stessi. Così l’uomo corre a se stesso e si nasconde nel suo cuore. Ma no. Lì trova la noia. Armeggia con sesso e stupidità. Guarda i film ma trova in seguito una solitudine disperata: odio, solitudine e isolamento.

Non so dove ti trovi in questa corsa verso il nulla, ma quelli intorno a te sono catturati in un vortice di disperazione. Quello che dico ora l’ho detto prima. Gesù non sta solo offrendo una risposta ad alcuni problemi della vostra vita; Egli è la risposta. Vuole essere la tua vita e il tuo scopo di vita. Gesù vuole prendere tutto ciò che è e metterlo dentro di te.

Ma più di questo. Gesù l’ha fatto. Gesù ci ha effettivamente dato ciò di cui abbiamo bisogno per vivere come Cristo. Questo non è per i lavoratori cristiani a tempo pieno. Questo è per tutti i Suoi veri discepoli. Se solo potessimo credere e capire che Dio ora sta compiendo la Sua grande opera attraverso i Suoi discepoli come te e me. Per questo la vita cristiana è chiamata vita di fede. Lo fa in modo che possiamo condividere le Sue ricompense eterne non perché ci siamo specializzati in teologia o siamo bravi nell’insegnare o anche nel dare. Tutti noi abbiamo doni e interessi speciali che seguono questi doni dello Spirito, ma ciò che è molto più importante e fondamentale è il centro della nostra chiamata. È essere come Gesù. Dio ha tolto Gesù dal mondo e ha affidato il resto della missione ai Suoi discepoli. Ciò che è così speciale è che quando iniziamo a prendere sul serio questa missione, cambiamo e il mondo che ci circonda cambia. Il mondo aspetta che la chiesa si svegli e viva sotto la sua chiamata. Non ha altro da aspettare se non per il giudizio. Cristiano, vivi come Cristo e il mondo getterà i suoi occhi su di te! Come Cristo non avrete bisogno di annunci per la gloria di Dio splende in un luogo con tanta disperazione e oscurità.

Gesù condivide due aspetti di questa missione, che ci ha donato. Il primo è essere di carattere santo e il secondo è manifestare buone opere.

A. Sale: Essendo di Carattere Divino-amorevole (13)

Oggi non sono interessato a dichiarare tutti gli usi del sale. Permettetemi di esporre brevemente il mio punto. Se il mondo sta diventando più scuro, non è a causa del Presidente, o il congresso o l’economia o anche il sistema di istruzione pubblica. È semplicemente la Chiesa di Dio sta diventando più mondana. La chiesa ha perso la sua salsedine.

Amo una buona lotta teologica ma mi ritiro. Ma lascia che metta i guanti sul tavolo e che tu combatta questa discussione. Quando il sale perde il suo sapore in modo che non sia più sale? Se hai una molecola di cloruro di sodio, hai sale. Prendere o o questi via ed è ovvio. Ma se hai un ciuffo di molecole di sale e perde la sua salsedine. Sta aggiungendo altri elementi e / o perdendo alcuni elementi essenziali?

Ora possiamo dire che ci sono molti elementi essenziali di un buon tempo di servizio di culto, ma il più importante è uno stile di vita devoto non contaminato dal mondo. Se i miscredenti non stanno affollando qui per sapere di più su Dio è a causa di due problemi. O non stiamo vivendo o non stiamo dicendo. Il punto è quando si dispone di un non credente venire e dopo la chiesa si inizia a parlare con lui, che è buono. Ma quando tirate fuori i vostri cataloghi e iniziare a parlare proprio come le persone al lavoro, si gira in silenzio triste. Sperava che ci fosse qualcosa in un cristiano in cui potesse forse trovare speranza. Ma quando la tua mente è sul mondo. Si sono concentrati su come ottenere un lavoro migliore o in esecuzione come il mondo corre. Si arrende al cristianesimo. Perché? Perché hai perso tuo fratello o tua sorella di sale! Alcune persone potrebbero venire qui solo per mangiare cibo cinese o stare con facce simili, ma c’è un altro motivo. Stanno cercando la speranza che ci sia qualcosa in questo mondo che porterà speranza. Più pensiamo, viviamo e agiamo come il mondo, più abbiamo perso il nostro sale e buono a nulla, ma essere calpestati.

Ma invece, se facciamo sul serio con il Signore sul chiamarci ad essere il sale del mondo, e permettiamo a Dio di iniziare a rifare tutta la nostra vita, vediamo una trasformazione che è semplicemente radicale – ma in senso buono. La maggior parte delle persone pensa che le persone pie siano noiose e non si divertano. Per quanto ne so, le persone che sono noiose e non si divertono sono persone tristi e depresse. Ma quando guardo il mondo, vedo solo persone tristi e depresse. Sono miseramente annoiati. Sono soli. Non hanno alcun significato nella vita. Il mondo attende solo momenti emozionanti e frenetici della vita quando viene selezionato il numero della lotteria o il farmaco sta prendendo effetto o il peccato sta influenzando il suo corpo, ma dopo i secondi di eccitazione svanisce, vivono in costante senso di colpa, dolore, miseria e noia fino al prossimo picco di eccitazione arriva.

Pensi che Gesù fosse noioso e triste? Certo che no. Era la persona più santa che ci fosse, piena d’amore. Non ti piace essere amato? Non ti piacerebbe essere una di quelle persone amorevoli? Ciascuna delle beatitudini inizia con la parola “Felice” o “benedetto” perché l’unico modo per vincere la tristezza del mondo è vivere in armonia con il Creatore. Il mondo per definizione vive in opposizione al Creatore. Si stanca e si deprime perché è sempre in lotta con Dio. Tuttavia, quando capisci la tua nuova chiamata per essere felice tutto il tempo, sei pavimentato. Non puoi credere che Dio voglia riversare su di te tanto amore e grazia. E certo, è un sacco di amore e grazia abbiamo bisogno di arrivarci. E quando possiamo affermare il nostro desiderio di essere come Cristo, di essere di carattere divino e non come il mondo, Dio viene quindi rilasciato per versare ulteriore grazia nelle nostre vite per renderci più simili a Lui.

Permettetemi di ricordarvi che tutti noi possiamo perdere il nostro sale. La vita cristiana deve essere vissuta nel presente non nel passato o nel futuro. Viviamo ora alla presenza di Dio. Dio è con noi ora lavorando nella nostra vita.

Os Guiness dice, ” Il problema con i cristiani in America non è che i cristiani non sono dove dovrebbero essere; il problema è che non sono quello che dovrebbero essere proprio dove sono.”- Os Guiness in Radix, Vol 20

Applicazione Cosa ti chiede Dio oggi? Hai perso la tua salsedine? Ti sei schierato con il mondo? Potresti ora confessare la tua ostinazione e chiedergli perdono? Hai perso il tuo obiettivo di essere come Gesù? Impegnatevi ora a memorizzare le beatitudini e più di questo gli state chiedendo di renderle i vostri principi viventi di vita.

B. Light: Doing His Good Works – Serving (14-16)

Ancora una volta, non voglio entrare nella fisica della luce. Mi piacerebbe molto. La luce mi affascina. Ma Gesù inizia essenzialmente come ha fatto prima. Egli pone tutta la responsabilità e il successo del regno di Dio su di noi! È semplicemente incredibile. Se prima parlavamo di qualità, ora ci stiamo concentrando sul marketing, prima sul vivere, ora sulla comunicazione. L’unica cosa che Gesù vuole farci sapere sulla luce è il suo bisogno naturale di essere mostrato. Tutti noi abbiamo molta familiarità con queste cose chiamate luci. Una cosa è avere una luce spenta. E ‘ una nostra scelta. Ma chi accenderebbe una luce se non per far risplendere la luce. Chi avrebbe volutamente accendere una luce e poi chiudere la luce? Nessuno. L’unica eccezione che conosco è quando ero a Singapore. Hanno messo le luci negli armadi in modo che gli insetti fossero in grado di vedere cosa stavano facendo. No. Ma a causa dell’elevata umidità – prima dell’aria condizionata, la luce emetteva un po ‘ di calore per ridurre l’umidità in modo che i vestiti non si rovinassero così facilmente.

Come cristiano, la tua luce è stata accesa da Dio. Sei nato dall’alto. Se guardiamo attentamente il versetto 16, vedremo che sono le opere buone che sono le onde luminose reali. Se nel primo punto sopra, il nostro cuore e i nostri atteggiamenti hanno iniziato a cambiare il modo in cui ci relazioniamo con le persone, ci prendiamo cura delle persone e aiutiamo le persone. La nostra motivazione della vita è cambiata dal forzare ciò che ci piace e vogliamo a ciò che Dio vuole. Allora avremo naturalmente una vita di buone opere che testimonieranno l’amore del Signore.

Notiamo solo il cambiamento del cuore se una persona ora comprende la grande misericordia con cui Dio tratta un lui. Ora tratterà il suo denaro come se Dio non fosse suo. Sarà disposto a darlo ai poveri perché si preoccupa davvero delle persone nel bisogno piuttosto che di avere un bell’aspetto o di liberarsi della sua colpa. O forse inizierà a vedere la necessità di prendersi cura dei suoi genitori da una luce completamente diversa. Quando non si concentrava sull’essere come Cristo, era deciso a vincere ogni combattimento. I suoi combattimenti erano silenziosi ma meschini. Ma quando ha iniziato a plasmarsi per essere un pacificatore, ha cominciato a vedere come riconciliarsi con i suoi genitori e sinceramente prendersi cura dei loro bisogni.

Questa chiesa è davvero una chiesa di buone opere. Molti di voi sono impegnati ad aiutare altre persone. Alcuni di voi fanno i pasti per gli altri. Alcuni guidano la gente in giro. Alcuni passano molto tempo a discutere i problemi degli altri. Questo è il modo in cui dovremmo essere. Il calore derivante da queste opere ‘leggere’ è sufficiente per comunicare che l’amore di Dio è qui.

La prova suprema della bontà non nel più grande, ma nei più piccoli incidenti del nostro carattere e della nostra pratica; non ciò che siamo quando siamo in piedi nel faro dell’esame pubblico, ma quando raggiungiamo lo sfarfallio della luce del fuoco delle nostre case; non quello che siamo quando qualche clarion-call suona attraverso l’aria, che ci chiama a combattere per la vita e la libertà, ma il nostro atteggiamento quando siamo chiamati al dovere di sentinella al mattino grigio, quando il fuoco di guardia sta bruciando basso. È impossibile essere il nostro migliore al momento supremo se il carattere è corroso e mangiato da incoerenza quotidiana, infedeltà, e assillante peccato. – F. B. Meyer nella nostra passeggiata quotidiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.