Mesotelioma Chemotherapy

Che cosa è la chemioterapia?

La chemioterapia è una strategia di trattamento che utilizza farmaci citotossici o anti-cancro per distruggere le cellule nei tumori. Il modo più comune per dare questo trattamento è attraverso un’iniezione endovenosa. La chemioterapia circola e prende di mira le cellule che si dividono rapidamente, come il cancro. Purtroppo, non può dire la differenza tra il cancro e altre cellule che naturalmente crescono rapidamente nel vostro corpo. Questo è ciò che ti dà effetti collaterali.

La maggior parte dei farmaci chemioterapici non sono specifici nel targeting delle cellule tumorali. Lavorano su tutte le cellule che crescono e si dividono rapidamente, il che significa che alcune cellule sane, come quelle dei follicoli piliferi, sono anche danneggiate dai farmaci.

Le strategie di gestione per gli effetti collaterali della chemioterapia sono migliorate notevolmente nel corso degli anni. Ora c’è una maggiore attenzione sulla prevenzione degli effetti collaterali prima che diventino un problema. Questo include cose come nausea e vomito. Altri effetti indesiderati comuni possono includere affaticamento, perdita di capelli, aumento del rischio di infezioni, sanguinamento o ecchimosi e alterazioni del gusto. La chemioterapia ha il potenziale per essere efficace nel ridurre le dimensioni dei tumori, che è importante nel prevenire la diffusione del cancro, nel rendere gli interventi chirurgici più efficaci e nell’alleviare i sintomi causati da tumori più grandi.

Come viene somministrata la chemioterapia del mesotelioma?

La chemioterapia è considerata una terapia sistemica. Ciò significa che va ovunque nel tuo corpo che il sangue viaggia. Ciò tiene conto il trattamento non appena per il cancro visibile, ma anche le cellule tumorali che possono spargersi ai linfonodi o ad altri organi che sono troppo piccoli vedere sull’immagine. La maggior parte della chemioterapia per il mesotelioma viene somministrata per via endovenosa nei centri di infusione del cancro ambulatoriale.

Un altro modo di somministrare farmaci chemioterapici è iniettarli direttamente nella parte del corpo in cui si trova il tumore. Per la chemioterapia del mesotelioma, questo significa iniettarlo per via intrapleurica o intraperitoneale. Per il mesotelioma pleurico i farmaci possono essere iniettati direttamente nella cavità toracica e per il mesotelioma peritoneale, direttamente nella parete addominale.

La chemioterapia viene tipicamente somministrata in cicli. Ogni ciclo dura da tre a quattro settimane, dopo di che c’è una pausa per far recuperare il corpo. Gli effetti collaterali della chemioterapia sono diversi per tutti. Gli effetti del trattamento possono essere cumulativi, quindi possono peggiorare con più trattamento si riceve. Il tuo team medico può ridurre la dose di chemioterapia se i tuoi effetti indesiderati diventano gravi o più di quanto vorresti tollerare.

Chemioterapia intraperitoneale riscaldata (HIPEC)

I ricercatori che cercano risultati migliori per i pazienti con mesotelioma hanno sviluppato un tipo speciale di chemioterapia per il mesotelioma peritoneale. HIPEC comporta l’iniezione di farmaci chemioterapici riscaldati nella cavità addominale, in genere dopo l’intervento chirurgico per rimuovere la maggior parte del tessuto canceroso.

Mentre la ricerca ha scoperto che alcuni farmaci chemioterapici funzionano meglio quando vengono riscaldati e infusi direttamente nell’addome, non tutte le strutture per il trattamento del mesotelioma offrono HIPEC a causa della necessità di attrezzature specializzate e formazione.

A causa dei successi osservati con HIPEC, i ricercatori hanno iniziato a esaminare l’utilizzo di una strategia di chemioterapia simile per il mesotelioma pleurico. Alcuni studi hanno scoperto che i farmaci sono troppo rapidamente assorbiti nella cavità toracica, mentre altri hanno trovato tassi di sopravvivenza più elevati tra i pazienti che vengono somministrati questo trattamento. È ancora sperimentale e non disponibile per tutti i pazienti.

Farmaci chemioterapici per mesotelioma

Ci sono molti diversi farmaci chemioterapici sul mercato con quelli nuovi in fase di sviluppo per tutto il tempo. Ai pazienti con mesotelioma può essere somministrato uno o una combinazione di due farmaci diversi per un trattamento più efficace. Alcuni dei farmaci chemioterapici usati più spesso per il mesotelioma sono:

  • Carboplatino
  • Cisplatino
  • Doxorubicina
  • Gemcitabina
  • Methotrexate
  • Mitomicina
  • Navelbine
  • Onconase
  • Pemetrexed
  • Vinorelbina

Per HIPEC, le scelte più comuni sono la mitomicina di per sé, o una combinazione di doxorubicina e cisplatino.

Bevacizumab è un altro farmaco usato per trattare il mesotelioma. È una terapia mirata, quindi funziona in modo diverso rispetto alla chemioterapia. Ha lo scopo di impedire ai vasi sanguigni di raggiungere il tumore, rendendo più difficile per loro crescere e diffondersi. Poiché ciò colpisce tutti i vasi sanguigni del corpo, può interrompere la guarigione delle ferite necessaria dopo l’intervento chirurgico o le procedure. Il medico discuterà il momento giusto di questo farmaco. Questo può essere somministrato in combinazione con la chemioterapia.

Immunoterapia Il trattamento per il mesotelioma

L’immunoterapia funziona in modo molto diverso rispetto alla chemioterapia. Invece di uccidere le cellule tumorali, regola il sistema immunitario per trovare e uccidere le cellule tumorali. Gli effetti collaterali sono anche molto diversi dalla chemioterapia e sono correlati al sistema immunitario che diventa iperstimolato. I farmaci di immunoterapia recentemente approvati per il trattamento del mesotelioma pleurico includono:

  • Nivolumab, con o senza ipilimumab
  • Pembrolizumab

Effetti collaterali della chemioterapia

La chemioterapia può influenzare tutti in modo diverso. Alcuni sperimentano effetti collaterali che possono essere peggiori del cancro stesso. Quando il trattamento causa più danni che benefici, i pazienti possono scegliere di concentrarsi su altri mezzi per farli sentire meglio. I pazienti possono scegliere cure palliative o servizi hospice per aiutarli a gestire gli effetti collaterali del mesotelioma. Poiché questi farmaci prendono di mira le cellule che si dividono rapidamente, non esclusivamente le cellule tumorali, uccidono molte cellule sane. Questo è ciò che causa effetti collaterali. Gli effetti collaterali più comuni della chemioterapia sono:

  • Perdita di appetito, perdita di peso
  • Nausea e vomito
  • perdita di Capelli
  • Diarrea
  • piaghe della Bocca
  • Sanguinamento e lividi
  • Fatica
  • incremento delle infezioni

farmaci Chemioterapici causano notevoli danni alle cellule del sangue e le piastrine, che è ciò che provoca alcuni di questi sintomi. Per esempio, piastrine ridotte dopo chemioterapia innesca sanguinamento anormale e lividi. Una riduzione dei globuli rossi provoca affaticamento, mentre il danno ai globuli bianchi può ostacolare il sistema immunitario, rendendo le infezioni più comuni.

Trattamento multimodale con chemioterapia

La maggior parte dei pazienti in trattamento per mesotelioma riceverà una strategia di trattamento multimodale, il che significa che vengono utilizzate più tecniche per ottenere i migliori risultati. La chemioterapia può essere utilizzata per ridurre i tumori prima dell’intervento chirurgico, per esempio. La chirurgia per rimuovere i tumori ha una maggiore possibilità di successo se i tumori sono più piccoli e meno diffusi.

La chemioterapia può anche essere utilizzata dopo l’intervento chirurgico per rimuovere i tumori. In questo caso i farmaci vengono utilizzati per uccidere le cellule tumorali rimanenti e per ridurre il rischio che il cancro si ripresenti in seguito. La radiazione viene utilizzata in modo simile ed entrambe le strategie possono essere utilizzate prima e dopo un intervento chirurgico, o in una combinazione che meglio si adatta alle esigenze del paziente.

Se si dispone di mesotelioma e il medico suggerisce la chemioterapia, aiuta a sapere cosa aspettarsi. Sebbene la chemioterapia possa essere efficace per sbarazzarsi delle cellule tumorali, non è sempre facile. Assicurarsi di avere i propri cari in giro per sostenere voi come si passa attraverso cicli di chemioterapia.

Cosa aspettarsi durante la chemioterapia

Tieni presente che sarai nelle mani di esperti medici qualificati. Il tuo oncologo, che fa parte del team medico, ti farà sapere quali farmaci riceverai e quali saranno i dosaggi prima della tua prima sessione di trattamento chemioterapico.

Quanto tempo ci vorrà?

Nella maggior parte dei casi, dopo aver ricevuto il primo ciclo di farmaci, non dovrai ripeterlo di nuovo per alcune settimane. Questo permette ai medici il tempo di valutare quanto bene i farmaci scelti stanno lavorando e dà anche le cellule sane nel vostro corpo la capacità di recuperare dai farmaci.

Una tipica sessione di trattamento può durare minuti, ore o talvolta giorni, secondo l’American Society of Clinical Oncology (ASCO). Tuttavia, i trattamenti che richiedono diversi giorni, che sono generalmente chemioterapia per infusione continua, non richiedono di essere in ospedale o in un centro medico per tutto il tempo.

Assistenza domiciliare e follow-up

Una volta terminato il trattamento, la pressione sanguigna e altri segni vitali saranno controllati. Il tuo team medico ti fornirà ulteriori istruzioni prima di partire per l’assistenza domiciliare, ma assicurati di avere il numero di contatto migliore per raggiungere qualcuno del tuo team medico prima di partire.

Il tuo team medico ti farà anche sapere quali cibi e bevande ti sono consentiti, che aiutano il farmaco a funzionare al meglio. Essi saranno anche andare oltre possibili effetti collaterali e cosa fare per contribuire ad alleviare loro.

È importante mantenere eventuali appuntamenti di follow-up dopo che le sessioni di chemioterapia sono state completate. L’American Cancer Society afferma che il follow-up potrebbe durare per anni, ma è una parte importante del processo di recupero.

Gestire i primi tre effetti collaterali della chemioterapia

Come accennato in precedenza, i pazienti chemioterapici possono avere a che fare con gli effetti collaterali, ma ci sono cose che si possono fare a casa per alleviare il disagio.

Fatica

Secondo l’American Cancer Society, la fatica è un effetto collaterale comune della chemioterapia. Oltre al sonno notturno adeguato, prendere in considerazione sonnellini per tutto il giorno. L’esercizio leggero, come le piccole passeggiate, a volte aiuta anche; tuttavia, non essere duro con te stesso se non riesci a completare le faccende di routine o sei troppo stanco per preparare la cena. Chiedere l’aiuto di amici o familiari, se possibile, o contattare il medico per eventuali raccomandazioni sanitarie a casa.

Nausea e vomito

Circa il 70%-80% dei pazienti chemioterapici avvertirà nausea e/o vomito, secondo studi clinici approfonditi. Ciò potrebbe causare la perdita di peso, che è normale. Tieni presente che probabilmente non sarai all’altezza di mangiare come hai fatto prima che iniziasse la chemioterapia, ma è importante mangiare piccole porzioni di cibo facili da digerire. Il medico può darti una dieta da seguire che può aiutare a combattere la nausea mentre ottieni un’alimentazione adeguata. Il medico potrebbe anche prescriverle un farmaco anti-nausea, come Zofran o Aloxi.

Perdita di capelli

La perdita di capelli è un effetto collaterale comune della chemioterapia e, anche se potrebbe non essere lusinghiero, tieni presente che significa che potenti farmaci stanno attaccando le cellule cancerose e ti aiutano a guarire. Lo stesso farmaco, tuttavia, attacca anche le cellule sane, comprese le radici dei capelli, dove le cellule crescono e si dividono rapidamente.

La perdita dei capelli di solito inizia entro poche settimane dal trattamento. Può cadere in grandi ciuffi o potrebbe cadere gradualmente. Sfortunatamente, non c’è nulla sotto forma di trattamento per la caduta dei capelli, ma ci sono altre cose da considerare.

Un tappo di raffreddamento del cuoio capelluto è un tappo posto saldamente sulla testa che è pieno di liquido refrigerato. Si dice che il liquido limiti il flusso sanguigno nel cuoio capelluto, che a sua volta può rallentare il processo di caduta dei capelli.

Rogaine, un farmaco popolare usato per la perdita dei capelli, è un’altra possibilità. Anche se probabilmente non si fermerà la perdita di capelli, può accelerare il processo di crescita dei capelli più velocemente. Rogaine viene fornito con i propri effetti collaterali, tuttavia, in modo da essere certi di discutere i pro ei contro con il medico prima di prendere una decisione.

Alcuni pazienti chemioterapici scelgono di indossare parrucche. In alcuni casi, l’assicurazione può coprire i costi per le parrucche. Verificare con il proprio fornitore per vedere se si qualificano.

Pagina Medicalmente recensita e curata da Luis Argote-Greene, M. D.

Luis Argote-Greene è un chirurgo toracico riconosciuto a livello internazionale. Ha formato e lavorato con alcuni dei chirurghi toracici più noti negli Stati Uniti e in Messico, tra cui il chirurgo pionieristico del mesotelioma Dr. David Sugarbaker. È professionalmente affiliato con gli ospedali universitari (UH). Le sue aree di interesse e competenza sono mesotelioma, tumori mediastinici, neoplasie toraciche, cancro ai polmoni, trapianto polmonare, cancro esofageo, chirurgia sperimentale e riduzione del volume polmonare. Il Dott. Argote-Greene ha anche svolto un lavoro pionieristico con la chirurgia toracoscopica video-assistita (VATS), così come la chirurgia mini-invasiva assistita robotica. Ha insegnato le procedure ad altri chirurghi sia a livello nazionale che internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.