Org lode ‘Monaco’ la rappresentazione del DOC

Popolare Varietà

Mostra ha fatto molto per aumentare la consapevolezza

Si potrebbe pensare che i professionisti della salute mentale avrebbe preso eccezione a “Monaco” uso di fobie e disturbo ossessivo-

compulsivo (OCD) del fumetto di foraggio, ma si sarebbe sbagliato.I disturbi d’ansia Assn. of America “ha sempre sostenuto e apprezzato gli sforzi dei produttori di ‘Monk’, perché hanno aumentato la consapevolezza del disturbo ossessivo-compulsivo”, afferma Jerilyn Ross, CEO di ADAA prexy.”Anche come commedia, lo spettacolo demistifica rispettosamente questa malattia mentale e rende le persone consapevoli di ciò che qualcuno soffre di esperienze OCD. Consente inoltre alle persone di sapere che se hanno OCD, non sono soli e possono ottenere aiuto.””Monk” co-creatore David Hoberman, che ha affrontato il proprio OCD e fobie, fa parte del consiglio di amministrazione di ADAA e ha ricevuto un Voice Award, co-sponsorizzato dalla American Psychiatric Foundation, per la sua e gli sforzi dello show. L’ADAA aveva anche Hoberman, la star” Monk ” Tony Shalhoub e l’attore/emcee/ comico Howie Mandel fanno PSA per la consapevolezza OCD la scorsa primavera.Il supporto professionale per lo spettacolo risale al suo inizio, quando l’allora direttore esecutivo Patricia Perkins della Obsessive-Compulsive Foundation disse: “È molto divertente. Ho OCD, e questo è il mio senso dell’umorismo.”Perkins ha detto quando ha intervistato altri con il disturbo che” alcuni hanno cavillato, ma nel complesso, stavano pensando, ‘È un personaggio così adorabile. E ha notato che il suo disturbo ossessivo compulsivo era parte integrante del suo essere un grande detective.”Hoberman va oltre, definendo Monk” un eroe con un disturbo mentale ” che è qualcosa di un modello in quanto il personaggio principale è in grado di catturare un criminale in ogni spettacolo mentre si occupa di disabilità.Shalhoub dice che riceve lettere da malati di OCD ringraziando lo spettacolo per lasciarli ridere di se stessi e per umanizzare la condizione. “Quindi sento che abbiamo trattato il disturbo in modo sensibile”, dice la star. “Abbiamo estratto molta commedia, ma non penso che l’abbiamo sfruttata.”E Hoberman osserva:” Lo spettacolo sta sottolineando che we siamo tutti d’intralcio a noi stessi (e) che le persone con disturbi mentali possono ottenere aiuto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.